ACIT logoalto

 

 

 

Un cordiale benvenuto nel sito dell'ACIT La Spezia

Herzlich Willkommen auf der Webseite von ACIT La Spezia

sample 5fd71ef293ce39984050a2eb207ca5ac

 

 

Corsi di Tedesco ACIT 2020/2021

 

RIPARTIAMO IN SICUREZZA CON PICCOLI GRUPPI

Corsi riservati ai soci ACIT

Iscrizioni dal 14 settembre 2020

Inizio corsi dal 12 ottobre 2020 

Fine prevista dei corsi 17 aprile 2021 

Informazioni e iscrizioni 

ACIT Associazione Culturale Italo-Tedesca

via D. Manin 27 - 19121 La Spezia 

telefono + fax 0187.739625

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orario di segreteria 

Martedì e venerdì, ore 10:30 - 12:00; inoltre lunedì, mercoledì e giovedì, ore 17:30 - 19:00. 

Ricordiamo che la nostra Associazione è sede d’esame autorizzata del Goethe-Institut per le certificazioni di lingua tedesca. Tali certificati sono riconosciuti in Italia e all’estero e apprezzati nel mondo della cultura, dell’economia, del commercio e del turismo. In Italia il Goethe-Institut è ufficialmente riconosciuto dal MIUR come Ente Certificatore per la lingua tedesca. 

Vai alla pagina dei Corsi di Tedesco

Visualizza e scarica il volantino

 

giornataeuropealingue

 

Giornata Europea delle Lingue

 

La Spezia - Centro “Dialma Ruggiero” 

25 settembre e 3 ottobre 2020

 

Nell’ambito della Giornata Europea delle Lingue – 26 settembre – ACIT organizza le seguenti manifestazioni che si svolgeranno presso l’Auditorium del Centro “Dialma Ruggiero”, via Monteverdi 117, La Spezia.

 

Venerdì 25 settembre ore 10 

 

Premiazione delle classi vincitrici del concorso “La Spezia e Bayreuth: due città si incontrano nel gemellaggio”, organizzato da ACIT con il supporto dell’Assessorato ai Gemellaggi del Comune della Spezia.  

 

Venerdì 25 settembre ore 17

 

Proiezione del film “La donna dello scrittore” (Transit), Francia 2018, regia di Christian Petzold, 102’. In collaborazione con Alliance Française e la Cineteca del Goethe-Institut. Presentazione di Giordano Giannini. Ingresso libero. Prenotazione presso: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o presso: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sabato 3 ottobre 

 

Trentesimo Anniversario dell’Unità tedesca (1990-2020), in coincidenza con il semestre di Presidenza tedesca del Consiglio dell’Unione Europea.  Sul canale youtube ACIT La Spezia videoconferenza di Renzo Brizzi, giornalista, Colonia: “E un virus salvò l’Europa... forse”.

 

ACIT e AF offrono inoltre la loro disponibilità per lo svolgimento di Laboratori di lingua per piccoli gruppi di alunni delle scuole elementari. Tempi e modalità da concordare, nel rispetto delle disposizioni vigenti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). 

 

Visualizza e scarica il manifesto

 

 

Variazione programma Cineforum

 

L'ultima proiezione del Cineforum ACIT 2020, prevista per giovedì 20 agosto alle 21:30 presso il cortile esterno del Centro Dialma Ruggiero, è stata rimandata al giovedì seguente, 27 agosto, allo stesso orario e nella stessa sede. Giordano Giannini presenterà Faust, 1994, regia Jan Švankmajer. Versione inglese sottotitolata nella stessa lingua. 

unnamed

 

Cineforum ACIT, si riparte all’aperto

 

 

Dopo la proiezione de Il Barone di Münchhausen del 21 febbraio scorso e l’interruzione a causa dell’emergenza Coronavirus, il Cineforum ACIT riparte all'aperto, nel rispetto delle normative sul distanziamento. Tutte le proiezioni avranno luogo alle ore 21:30 presso il cortile esterno del Centro Dialma Ruggiero, via Monteverdi 117, La Spezia. Ingresso libero. Si consiglia la prenotazione al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

“Ceralacca, bastimenti, cavoli e potenti”

Il cinema come Wunderkammer

Seminario di lettura filmica a cura di Giordano Giannini 

In collaborazione con Comune della Spezia - Servizi Culturali e con il gentile contributo del Goethe Institut. 

 

Giovedì 16 luglio

La grotta dei sogni dimenticati 

(Die Höhle der vergessenen Träume), Canada / Francia / Germania 2010, regia Werner Herzog, 86’. Versione in lingua italiana.

 

Giovedì 23 luglio

Il gabinetto delle figure di cera

(Das Wachsfigurenkabinett), Germania 1924, regia Paul Leni, 83’. Pellicola muta con didascalie in lingua italiana.

 

Giovedì 30 luglio

Paracelsus

(Paracelsus), Germania 1943, regia Georg Wilhelm Pabst, 102’. Versione originale tedesca con sottotitoli in lingua inglese.

 

Giovedì 6 agosto

Il misterioso castello nei Carpazi

(Tajemství hradu v Karpatech), Repubblica Ceca 1981, regia Oldřich Lipský, 94’. Versione originale ceca con sottotitoli in lingua italiana.

 

Giovedì 20 agosto

Faust

(Lekce Faust), Repubblica Ceca / Francia / Regno Unito 1994, regia Jan Švankmajer, 92’. Versione inglese con sottotitoli nella stessa lingua.

 

Con il documentario La grotta dei sogni dimenticati (2010) Werner Herzog esplora la grotta Chauvet (Vallon-Pont-d’Arc, Alvernia), suggestivo sito d’arte paleolitica, mostrandoci come le pitture rupestri testimonino un’ancestrale tensione a voler rappresentare il movimento, quasi avessero un conato di linguaggio filmico. Le intuizioni spirituali di uomini vissuti 32.000 anni or sono possono ancora far impallidire il mondo moderno. 

 

Il gabinetto delle figure di cera (1924) segnò l’apice della creatività di Paul Leni, indimenticato autore de L’uomo che ride. Strutturata ad episodi, la pellicola (incompiuta, purtroppo) segue da vicino le gesta di quattro statue di cera – esposte in un baraccone e raffiguranti personaggi storici, del folklore o della letteratura – che prendono vita attraverso i fantasiosi racconti di un giovane poeta: il califfo Harun al-Rashid, Ivan il Terribile, il brigante Rinaldini e Jack dai Tacchi a Molla. Immagini (di Helmar Lerski) e scenografia (dello stesso regista) restano “fra i massimi risultati dell’espressionismo tedesco, stranianti e imponenti, articolati e stupefacenti: il palazzo con intrecci di scale e torri, la stanza da letto alta come una cattedrale e la terrazza circolare a scacchi, la casa del panettiere piccola, povera e deforme, dal soffitto basso e buio, dove chi vi entra sembra entrare in uno spazio fisico e vivente” (emutofu.com).

 

C’è chi sostiene che i film “parlati” di Georg W. Pabst siano inferiori quelli dell’era del muto. Opere come Lulu e Diario di una donna perduta rimangono i suoi capolavori, è evidente, nondimeno Paracelsus (1943), al pari de L’opera da tre soldi e La tragedia della miniera, meriterebbe una rivalutazione. Stiamo pur sempre parlando di una delle cine-biografie più discusse e popolari realizzate sotto il Terzo Reich. “Il nostro nemico è la morte” ripeteva agli occasionali discepoli il noto filosofo e guaritore vissuto nel XVI secolo, presentato dal copione, in conformità con i dettami di regime, come una figura tracotante, quasi “faustiana”, ostile a qualsiasi forma di oscurantismo, in medicina come in politica; una guida lungimirante a cui tutti devono rivolgersi quando miseria e sofferenza bussano alla loro porta. La sequenza della danza macabra, che simboleggia il “trionfo” della peste nera a Basilea, è passata alla storia del cinema europeo.

 

Il conte Franz de Télek vaga nei Carpazi in cerca della sua fidanzata Stilla, una famosa cantante lirica scomparsa misteriosamente dopo un concerto. Giunto in un villaggio in compagnia di un boscaiolo chiamato Vilja, Franz sente raccontare dalla gente strane storie a proposito del vicino castello del barone De Gortz e, come guidato dall’istinto, si convince che la sua amata sia prigioniera tra quelle mura… Il romanzo (1892) di Jules Verne, Il castello dei Carpazi, rivive sul grande schermo nell’omonima rivisitazione (1983) di Oldrich Lipský. Intriso nel profondo dell’immaginario dei gabinetti delle curiosità, questo “scherzo” della filmografia boema (tutt’ora inedito in Italia) irrompe con i suoi comici ruzzoloni, i suoi “giocattoli” (diversi sono, infatti, gli omaggi al fantasista Georges Méliès), alambicchi e siparietti in puro stile Biedermeier.


Lekce Faust (1994) di Jan Švankmajer concluderà il ciclo. Il regista boemo azzarda un grottesco ibrido fra Marlowe e Goethe, allestendo attorno ad un attore squattrinato, Faust “suo malgrado”, un teatrino di marionette che abbatte il confine tra atto drammatico e retroscena, verità e allucinazione. Una sottile malinconia attraversa l’operazione: il sospetto che oggigiorno non sia più possibile inscenare le gesta dello scienziato-alchimista. Più vicino forse all’Alice di Carroll, il viaggio del protagonista è ormai un fatto di fanciullesca, indolente curiosità a “gettare lo sguardo nelle tenebre” anziché di conoscenza e della sua brama. Cade il senso, rimane solo la certezza (e l’inutilità) della morte.

locandina novembreManifestazioni per il trentennale della caduta del muro di Berlino

In occasione del trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino sono state inaugurate presso l'Istituto “Fossati-Da Passano” la mostra “Nati dopo l’89” da un progetto del Goethe-Institut e la mostra documentaria “La forza dei sentimenti” a cura della Bundesstiftung für die Aufarbeitung der SED-Diktatur. 
Il 15 novembre, nell’ambito della cerimonia di inaugurazione, il prof. Gianluca Bocchi, professore ordinario presso l’Università di Bergamo, dove insegna Filosofia della Scienza, Scienze della Globalizzazione e Lineamenti di Storia Globale, ha parlato su "1989, l'insperata unità. Berlino, Germania, Europa" ripercorrendo gli eventi e le dinamiche di un anno eccezionale nella storia tedesca ed europea. 
“Nati dopo l’89” è una mostra-reportage sulla prima generazione post-muro. Il fotografo Ignacio Maria Cocciae il giornalista Matteo Tacconi hanno intervistato i giovani di quattro città simbolo: Dresda, nella ex DDR ancora legata a una certa mentalità dell’est, Bonn nell’ovest, ex capitale della Germania occidentale, Trieste città di frontiera, multiculturale, e Bari, più a sud ma sempre sull’Adriatico. 
La mostra “La forza dei sentimenti”, promossa dalla Fondazione “Memoria, Responsabilità e Futuro” e dalla “Fondazione Federale per il confronto critico con la dittatura della SED” con il patrocinio del Ministero degli Esteri tedesco, prende in esame l’ultimo secolo di storia della Germania, prendendo lo spunto dai numerosi anniversari che ricorrono nel 2019: 100 anni dalla  fondazione della Repubblica di Weimar, 90 anni dalla crisi economica e finanziaria del ’29, 80 anni dall’aggressione alla Polonia e appunto trent’anni dalla “Rivoluzione pacifica” che portò al crollo della DDR.
Le manifestazioni sono organizzate da Associazione Culturale Italo Tedesca e Istituto Tecnico Commerciale e Tecnologico “Fossati-Da Passano”, in collaborazione con i Servizi Culturali del Comune e con il sostegno del Goethe-Institut. 
Le mostre saranno visitabili fino al 20 dicembre in orario 14-18, per visite di classi in orario scolastico è necessaria la prenotazione, tel. 0187 500557. 

Comunicato Attività ACIT

 

La sede ACIT rimarrà chiusa fino a metà settembre. Per qualsiasi richiesta o comunicazione vi preghiamo di inviare una mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dato il divieto di svolgere corsi in presenza, segnaliamo la possibilità di frequentare corsi di tedesco individuali (o semindividuali) online. La stessa possibilità esiste per i corsi di italiano per stranieri

 

Segnaliamo inoltre il canale YouTube ACIT La Spezia che ospita una serie di videolezioni per gli studenti della maturità e il ciclo di conversazioni "Beethoven - Le variazioni per pianoforte" a cura del M° Giuseppe Bruno.  

Cerimonia di consegna degli attestati di certificazione linguisticaCerimonia di consegna degli attestati di certificazione linguistica

Il 3 ottobre 2019, Festa nazionale tedesca, presso la sede ACIT in presenza del Provveditore prof. Roberto Peccenini e della prof. Gloria Rossi dell’Ufficio Scolastico Provinciale sono stati consegnati gli attestati agli alunni delle scuole medie che hanno superato l'esame di certificazione A1 alla fine dello scorso anno scolastico. I ragazzi provenivano dalle tre scuole cittadine dove è previsto l'insegnamento curriculare del tedesco: Scuola media “Jean Piaget” (ISA 1), Scuola media “Anna Frank” (ISA 5) e Scuola media “Due Giugno” (ISA 2). Complimenti a tutti! 

Emergenza Coronavirus

In ottemperanza alle disposizioni governative riguardanti l'emergenza coronavirus, i corsi di lingua e le manifestazioni culturali ACIT sono sospesi fino a data da destinarsi. 

corsiditedesco2019Corsi di Tedesco ACIT 2019/2020

Iscrizioni dal 16 settembre 2019

Come ogni anno l’ACIT presenta la sua offerta di corsi di lingua tedesca e di conversazione per tutti i livelli e le esigenze.

Ricordiamo che la nostra Associazione è sede d’esame autorizzata del Goethe-Institut per le certificazioni di lingua tedesca. Tali certificati sono riconosciuti in Italia e all’estero e apprezzati nel mondo della cultura, dell’economia, del commercio e del turismo. In Italia il Goethe-Institut è ufficialmente riconosciuto dal MIUR come Ente Certificatore per la lingua tedesca

 

Vai alla pagina dei Corsi di Tedesco

 

20-faust4_rgb624px.jpg

 

Cineforum ACIT 2020

In collaborazione con Comune della Spezia - Servizi Culturali e con il gentile contributo del Goethe Institut. Tutte le proiezioni avranno luogo alle ore 17 presso la sede ACIT, via Manin 27, La Spezia.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, nel qual caso saranno organizzate repliche in date da definire.

“Ceralacca, bastimenti, cavoli e potenti”
Il cinema come Wunderkammer
Seminario di lettura filmica a cura di Giordano Giannini

Venerdì 21 febbraio
Il Barone di Münchhausen
(Münchhausen), Germania 1943, regia Josef von Báky, 110’. Versione in lingua italiana.

Venerdì 28 febbraio
La grotta dei sogni dimenticati
(Die Höhle der vergessenen Träume), Canada / Francia / Germania 2010, regia Werner Herzog, 86’. Versione in lingua italiana.

Venerdì 6 marzo
Il gabinetto delle figure di cera
(Das Wachsfigurenkabinett), Germania 1924, regia Paul Leni, 83’. Pellicola muta con didascalie in lingua italiana.

Venerdì 13 marzo
Paracelsus
(Paracelsus), Germania 1943, regia Georg Wilhelm Pabst, 102’. Versione originale tedesca con sottotitoli in lingua inglese.

Venerdì 20 marzo
Il misterioso castello nei Carpazi
(Tajemství hradu v Karpatech), Repubblica Ceca 1981, regia Oldřich Lipský, 94’. Versione originale ceca con sottotitoli in lingua italiana.

Venerdì 27 marzo
Faust
(Lekce Faust), Repubblica Ceca / Francia / Regno Unito 1994, regia Jan Švankmajer, 92’. Versione inglese con sottotitoli nella stessa lingua.

giornataeuropealinguePorte aperte della sede Acit per la Giornata europea delle lingue

26-27 settembre, 3 ottobre 2019

L'ACIT invita cordialmente il pubblico a visitare la sede di via Manin 27 (Porte aperte ore 10-12, 17-19. Informazioni su corsi, iniziative culturali e biblioteca). 

 

Giovedì 26 e venerdì 27 settembre 

In orario antimeridiano. Laboratori per le scuole elementari in collaborazione con Alliance Française 

(è necessaria la prenotazione). 

 

Giovedì 26 settembre 

Ore 18, cinema “Il Nuovo”. Proiezione del film in lingua originale sottotitolato in italiano: “Frantz”, regia François Ozon, Francia/Germania 2016, 113’. 

Ingresso ridotto per i Soci ACIT e AF. 

 

Venerdì 27 settembre 

Ore 15:15, sede ACIT via Manin 27. Seminario didattico di Maria Antonia De Libero, Goethe-Institut Torino: “Deutsch ist rund”. A seguire conversazione di Marta Tonarelli, ACIT La Spezia: “Die Höflichkeitsform im Deutschen und im Italienischen”.

 

Mercoledì 3 ottobre 

Anniversario dell’Unità tedesca. Ore 16. Premiazione degli alunni delle scuole medie che hanno conseguito la certificazione Fit in Deutsch 1 (Livello A1).  

In collaborazione con Alliance Française La Spezia e con il gentile contributo del Goethe Institut

 

quartopiano fotoDue iniziative a Sarzana

Presso Quarto Piano, via Landinelli 42, in collaborazione con l'Associazione L’égalité, giovedì 19 dicembre ore 18 proiezione del film “Westwind" (Vento dell'ovest) di Robert Thalheim, 2011, versione originale sottotitolata in italiano. Una storia di giovani ambientata nell'ex DDR e in Ungheria nell'estate del 1988, l'anno prima della caduta del muro. Presentazione di Marco Lorenzo Baruzzo. Ingresso libero.
Dal 15 gennaio, sempre presso Quarto Piano, Corso di tedesco per principianti, il mercoledì ore 18-20. Informazioni e iscrizioni presso ACIT, via Manin 27, La Spezia (tel. 0187.739625; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), entro il 10 gennaio.

20190218 LaSpezia DSC0718Un ricordo delle iniziative con le scuole spezzine

Giunti alla fine dell'anno scolastico, ci teniamo a ricordare una delle iniziative che hanno coinvolto le scuole spezzine: il concerto rap di Leila Akinyi che si è svolto all’auditorium Dialma Ruggiero in febbraio e che ha avuto un grande successo grazie alla partecipazione degli studenti del Liceo "Mazzini", dell'Istituto "Da Passano-Fossati" e del Liceo Classico "Costa". Nella foto Emma Accorsini, Martina Boeri, Gemma Bonomi e Erika Gherbassi del "Mazzini" impegnate nell'accompagnare la rapper. Sono state bravissime! 

Leila, nata in Kenya, vive a Colonia. I suoi concerti, veicolati dal Goethe-Institut e centrati su temi antirazzismo, hanno finalità didattica per la lingua tedesca.  

 

concertoApertura dell'Anno Sociale 2019-2020. Concerto per pianoforte e quartetto di sassofoni

I soci e i simpatizzanti sono cordialmente invitati a partecipare alla cerimonia di apertura dell’anno sociale 2019/2020 che si terrà sabato 30 novembre p.v. alle ore 17 presso la Sala Dante, via U. Bassi 4, La Spezia. Sono state invitate le autorità consolari e cittadine. 
In tale occasione, in collaborazione con l’Associazione Richard Wagner della Spezia, si svolgerà il Concerto per pianoforte e sassofoni di ExclusIVe Saxophone Quartet diretto da Valentina Renesto, al pianoforte il M° Giuseppe Bruno. Musiche di Helmut Bieler, Richard Wagner / G. Kramers, Ludwig van Beethoven. Ingresso libero. 

lampaCorsi di lingua tedesca per principianti

L’Associazione Culturale Italo-Tedesca comunica che sono aperte le iscrizioni a un corso di lingua tedesca per principianti. Si tratta di un modulo intensivo per un’introduzione rapida ed efficace alle nozioni base della lingua, di immediata spendibilità. Il corso si svolgeràda lunedi 27 maggio a venerdì 7 giugnopresso la sede ACIT, via Manin 27, La Spezia (n. 20 ore complessive), in orario 18.00 – 20.00 tutti i giorni escluso il sabato.  
Per informazioni e iscrizioni (entro il 22 maggio) rivolgersi alla sede ACIT, tel.0187.739625 (segreteria telefonica) oppure e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Joomla SEF URLs by Artio

Calendario

Ottobre 2020
D L M M G V S
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
ACIT
Associazione Culturale
Italo-Tedesca
 
Via Daniele Manin, 27
19121 La Spezia
tel. + fax +39.0187.739625
 
Orario di segreteria
Martedì, mercoledì e venerdì, ore 10,30 - 12;
inoltre lunedì, mercoledì e giovedì,
ore 17,30 - 19.
 
Partita IVA 01056960113
Codice Fiscale 91002290111
Fondazione giugno 1973
 
L’ACIT della Spezia è un’associazione no-profit che svolge attività di diffusione della lingua e della cultura tedesca. L’Associazione è riconosciuta ufficialmente e sostenuta fin dalla sua costituzione dal Ministero degli Esteri della Repubblica Federale di Germania tramite le rappresentanze consolari e collabora strettamente con il Goethe-Institut in campo linguistico e culturale. L’ACIT aderisce al Forum Nazionale delle Associazioni e degli Istituti di Cultura Italo-Tedeschi. Dal 1999 contribuisce attivamente alle numerose iniziative collegate al gemellaggio tra La Spezia e Bayreuth. Nel novembre 2001 ha ottenuto dalla Regione Liguria il riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato.
Informazioni generali
 
Tessera associativa
Giovani fino a 19 anni euro 15,00;
adulti euro 30,00.
 
I nostri corsi
L’offerta ACIT comprende corsi di
lingua tedesca e conversazione per
tutti i livelli (anche fuori sede,
individuali, del sabato) e corsi di
lingua italiana per stranieri.
 
Certificazioni Goethe-Institut
L’ACIT è sede d’esame autorizzata
del Goethe-Institut per le
certificazioni di lingua tedesca,
riconosciute in Italia e all’estero. Il
Goethe-Institut è ufficialmente
riconosciuto dal Ministero
dell’Istruzione, dell’Università e
della Ricerca come Ente
Certificatore per la lingua tedesca.
Attività culturali
L’offerta ACIT in campo culturale è
ricca e articolata: mostre, concerti,
conferenze, rassegne
cinematografiche. Le iniziative,
organizzate in collaborazione con i
Servizi Culturali del Comune della
Spezia e altri Enti e Istituzioni, sono
tutte aperte al pubblico e ad
ingresso gratuito.
 
Altre attività
Scambi tra soci ACIT e soci delle
associazioni tedesco-italiane. Corsi
di aggiornamento per insegnanti di
lingua tedesca. Informazioni sui
paesi di lingua tedesca.